Quali sono le cause di un corto circuito elettrico?

Corto Circuito Elettrico

Cos’è corto circuito elettrico e quali sono le cause e come evitarlo

Il termine cortocircuito viene spesso usato in modo errato per indicare qualsiasi problema di cablaggio in un circuito elettrico. Ufficialmente, tuttavia, un corto circuito si riferisce a una condizione specifica in cui l’elettricità si allontana dal percorso stabilito di un corto circuito elettrico.

Definizione di un corto circuito

Come suggerisce un corto circuito elettrico è una condizione in cui il flusso elettrico completa il suo percorso del circuito attraverso una distanza più breve di quella presente nel cablaggio stabilito. Per natura, l’elettricità cerca di tornare a terra e, in un circuito correttamente funzionante, ciò significa che la corrente fluisce attraverso il circuito di cablaggio stabilito di nuovo al pannello di servizio e poi indietro attraverso i fili di servizio. Tuttavia, se i collegamenti all’interno del cablaggio si allentano o si rompono, la corrente elettrica potrebbe “perdere”. In questo caso, la corrente elettrica cerca istantaneamente di ritornare a terra attraverso un percorso più breve. Quel percorso può benissimo essere attraverso materiali infiammabili o addirittura attraverso un essere umano, motivo per cui un corto circuito presenta il pericolo di incendio o shock letale.

La ragione per cui ciò accade è che questi altri materiali offrono un percorso di resistenza inferiore a quello presente nel cablaggio in rame di un circuito. Ad esempio, in un interruttore della luce con un cablaggio difettoso o una connessione del filo allentata, se il filo caldo di rame nudo tocca la scatola elettrica di metallo o una piastra metallica sull’interruttore, la corrente salterà verso qualunque percorso offre la minima resistenza, il che potrebbe benissimo attraverso il dito, la mano e il corpo di chiunque tocchi l’interruttore.

2 tipi di corto circuito

In termini generali, un cortocircuito è una condizione in cui il circuito di cablaggio stabilito viene interrotto da un difetto nel cablaggio o nelle connessioni del cablaggio. In realtà, tuttavia, ci sono due situazioni che si qualificano entrambe come cortocircuiti, anche se portano nomi diversi.

Corto circuito

Il termine corto circuito è più comunemente usato dagli elettricisti per riferirsi alla situazione in cui un filo caldo che trasporta corrente in tensione tocca un filo neutro. Quando ciò accade, la resistenza diminuisce istantaneamente e un grande volume di corrente scorre attraverso un percorso inaspettato. Quando si verifica questo classico cortocircuito, a volte le scintille volano, potresti sentire scoppiettanti e talvolta fumo e fiamme ne conseguono.

Guasto a Terra

Un guasto a terra è un tipo di cortocircuito che si verifica quando il filo caldo che trasporta corrente entra in contatto con una parte messa a terra del sistema, come un filo di terra nudo in rame, una scatola a muro di metallo con messa a terra o una parte messa a terra di un apparecchio. Come nel classico corto circuito, un guasto a terra provoca una riduzione istantanea della resistenza, che consente a una grande quantità di corrente senza impedimenti di fluire attraverso il percorso imprevisto. Qui, ci sono meno possibilità di fiamma e fuoco, ma una notevole possibilità di shock.

3 cause di cortocircuiti

Esistono diverse cause per i corto circuiti, tra cui tre che sono più spesso da incolpare.

Isolamento del filo del circuito difettoso

Un isolamento vecchio o danneggiato può consentire il contatto di fili caldi e neutri, causando un corto circuito. Le forature di chiodi e viti, nonché l’età, possono causare il deterioramento delle guaine o dell’isolamento del filo e creare corto circuiti. Oppure, se parassiti di animali come topi, ratti o scoiattoli rosicchiano il cablaggio del circuito, i conduttori del filo interno possono essere esposti per causare cortocircuiti.

Collegamenti a filo allentato

Gli accessori possono allentarsi, a volte consentendo il contatto di fili neutri e sotto tensione. La riparazioni elettriche di collegamenti difettosi è difficile ed è gestita al meglio da chi ha familiarità con i lavori di cablaggio.

Cablaggio dell’apparecchio difettoso

Quando un apparecchio è collegato a una presa a muro, il suo cablaggio diventa effettivamente un’estensione del circuito e qualsiasi problema nel cablaggio dell’apparecchio diventa un problema al circuito. Gli apparecchi vecchi o rotti possono sviluppare nel tempo cortocircuiti interni. Cortocircuiti negli apparecchi possono verificarsi nelle spine, nei cavi di alimentazione o all’interno del dispositivo stesso. È meglio che un tecnico guardi i pantaloncini in apparecchi più grandi come forni e lavastoviglie. Gli apparecchi più piccoli come le lampade possono spesso essere ricablati da soli.

Gestire i cortocircuiti

Il segno più comune di un corto circuito è quando un interruttore interviene e provoca lo spegnimento del circuito. Tuttavia, ci sono altre condizioni che possono causare l’intervento di un interruttore, quindi è importante determinare il motivo per cui l’interruttore sta scattando. Se un interruttore automatico continua a scattare immediatamente dopo essere stato ripristinato, ciò indica che si è verificato un problema di cablaggio in qualche punto del circuito o in uno degli apparecchi collegati a quel circuito.

Seguire questa procedura se si sospetta un corto circuito:

  • Individua l’interruttore automatico scattato: sul pannello di servizio principale, cerca un interruttore automatico singolo con una maniglia che è scattata in posizione OFF. Alcuni interruttori possono avere un indicatore di finestra rosso o arancione per facilitare l’individuazione. Questo interruttore scattato identificherà il circuito in cui esiste il problema. Lasciare l’interruttore su OFF mentre si ispeziona lungo il circuito.
  • Ispezionare i cavi di alimentazione dell’apparecchio: ispezionare tutti i cavi di alimentazione collegati alle prese lungo il circuito che è scattato. Se si riscontrano danni o l’isolamento della plastica si è sciolto, è probabile che il cortocircuito si trovi all’interno dell’apparecchio o del dispositivo stesso. Scollegare questi apparecchi dal circuito. Se si trovano apparecchi sospetti, riaccendere l’interruttore dopo averli scollegati. Se il circuito ora rimane attivo senza inciampare di nuovo, è certo che il problema si è verificato nell’apparecchio. Tuttavia, se l’interruttore automatico scatta di nuovo immediatamente, procedere al passaggio successivo.
  • Spegnere tutti gli interruttori della luce e dell’apparecchio lungo il circuito. Quindi, riportare l’interruttore in posizione ON.
  • Accendere ogni interruttore della luce o interruttore dell’apparecchio, uno alla volta. Se si raggiunge un interruttore che fa scattare nuovamente l’interruttore automatico, è stata identificata la sezione del cablaggio del circuito in cui esiste un collegamento allentato o un problema di cablaggio.
  • Riparare il problema di cablaggio del circuito. Questo è un passaggio che potrebbe richiedere l’aiuto di un elettricista professionista. Non tentare questo a meno che tu non sia molto sicuro delle tue conoscenze e livello di abilità. Questa riparazione comporterà l’arresto del circuito, quindi l’apertura della presa e dei quadri elettrici per ispezionare i fili e le connessioni dei fili e fare le riparazioni elettriche necessarie.

Se non si riscontra alcun problema evidente in uno degli apparecchi plug-in o nelle connessioni del cablaggio dell’apparecchiatura, è probabile che il problema sia nascosto da qualche parte nel cablaggio della parete. Per risolvere questo problema è necessario chiamare un  elettricista a Forli per aiutarvi. Qualsiasi odore di fumo o segni di carbonizzazione o plastica fusa è un segno che hai un problema serio.

CONTATTA SUBITO 05431796189

Related Posts

Write a comment